Recap – 24h Nurburgring 2020

#iRacingNurburgring24h | #drswaveitaly | #esport | #simracing
🏴🔥🇮🇹 DRS POST RACE

DRS Wave Italy F488
Maurizio Miconi (Team Manager)

Anche quest’anno, il DRS Wave Italy è stato presente alla 24h del
Nuerburgring, con i suoi 25 KM totali presso “l’Inferno verde”, configurazione composta dal complesso dei due circuiti: il GP Strecke e il Nordschleife.

Due equipaggi sono stati iscritti:
GT3 con la Ferrari 488
GT4 con la Porsche Cayman

La grandissima partecipazione di piloti da tutto il mondo, purtroppo ha determinato per l’equipaggio GT3 la Retrocessione in Split 2.  Mentre per l’equipaggio GT4, la soddisfazione enorme nel partecipare al Top Split in diretta mondiale, le è stata concessa.

L’equipaggio GT3, formato da Giuseppe Curri, Maurizio Miconi e Mattia Fuligni, ha dovuto lottare fin dalle qualifiche con l’agguerrita flotta degli altri stamattina iscritti, strappando una decima posizione in partenza che al Nordschleife rappresenta una prestazione di livello.  L’inizio della gara da parte di Giuseppe Curri, è stato davvero consistente, rimontando dopo le prime ore, fino alla 8a posizione. La strategia di gara prevedeva due stint a pilota.
La concentrazione e lo sforzo per restare in pista durante i 25 Km di un solo giro singolo, deve essere al di sopra di ogni minima sbavatura o piccolo errore commesso. Purtroppo, alla fine del secondo stint di Maurizio Miconi, poco prima di rientrare ai box per il cambio pilota, una sbavatura sull’erba ha determinato una toccata sulle barriere di protezione che sono costati quasi 8 min di riparazione.  Mattia Fuligni, presa la vettura dopo il pit e dopo le riparazioni, ha effettuato i suoi due stint da grande regolarista qual’e’, con la sua guida pulita e una concentrazione massima sempre ai massimi livelli.
Tutto sembrava continuare nel migliore dei modi, anche se l’equipaggio aveva un ritardo di 1 giro.

Il Team GT3 è andato avanti in modo lineare con altri due stint di Giuseppe Curri. Nella notte, un’altra piccola sbavatura e uscita sull’erba in un punto molto difficile del tracciato, dove gli spazi sono davvero stretti, ha conferito nuovamente uno stop obbligato al pit per notevoli danni alla vettura. Purtroppo, l’entità dei danni era talmente notevole, che ha tradotto in un nulla di fatto la preparazione di quasi 15 gg alla 24h.  È stata veramente una delusione enorme, dover ritirare il team dalla competizione. Ma ormai era impossibile poter proseguire senza un notevole gap e con delle prestazioni tecniche di molto limitate.  Ci rivedremo il prossimo anno…..

DRS Wave Italy 718
Filippo Orlandi (Team Manager)

L’inferno è quindi arrivato… Top Split, l’equipaggio Orlandi Arcidiacono Cuomo conquista la 4°posizione in GT4,
15° posizione assoluta, e per gli amanti delle statistiche, è il miglior classificato come equipaggio composto da soli 3 piloti.
Si spendono tante parole sul Nurburgring, è un inferno, l’inferno verde. Ma quando lo vivi senti che stai facendo parte di un impresa. Gli avversari non sono percepiti neanche come tali, sono più compagni di avventura, il vero avversario è lui, è il “Ring” e riuscire a sconfiggerlo non è affatto semplice, solo finire la gara è una impresa. Abbiamo terminato la gara dove in molti non hanno saputo o potuto fare altrettanto. Ma non ci siamo limitati a questo, abbiamo conquistato una splendida quarta posizione e se non fosse stato per un banale contatto, con una GT3 durante le ore notturne, che ha limitato la nostra velocità di punta sui lunghi rettilinei, saremmo saliti sicuramente sul prestigioso podio. Ma il Ring è proprio questo, è l’incerto che si concretizza, c’è sempre un se od un ma alla fine della gara. Al prossimo anno Inferno Verde!!